LASAGNETTE DI PESCE CON SALSA AL CAFFE’

Provate queste lasagne perchè sono buonissime: a me è bastato leggere la lista degli ingredienti per innamorarmene, e il risultato ha superato le mie aspettative!

La ricetta è tratta dal libro “In cucina con Igles Corelli” anche se, come sempre, ho dovuto apportare un paio di modifiche in corso d’opera..   Continua a leggere

Annunci

TRANCI DI RANA PESCATRICE DORATI AL SESAMO CON CURRY DI VERDURE INVERNALI di Frédy Girardet

Questa è decisamente una ricetta d’autore, e che autore! Si dice che Frédy Girardet sia uno dei migliori chef al mondo. Con una fama del genere c’è da sentirsi in soggezione anche solo ad avvicinarsi alle sue ricette, e  invece… Continua a leggere

POLPO IN UMIDO CON PANE CIABATTA ALLE CIPOLLE E VINO ROSSO

Questa ricetta di Palma D’onofrio è davvero fantastica…
L’idea di preparare il polpo con tanta semplicità mi ha subito conquistata: servono soltanto qualche pomodoro, una foglia di alloro, uno spicchio d’aglio e qualche cucchiaio d’olio… Non c’è nemmeno bisogno di salare! Il polpo cuoce nei propri succhi con i pomodori fino a diventare tenero, succoso e saporito.
E che dire delle ciabattine al vino rosso e cipolle? Sono sofficissime, profumate e gustose… Perfette per raccogliere l’intingolo del polpo in umido!
Continua a leggere

CASERECCE DI SEMOLA INTEGRALE CON CAVOLO ROMANO E NASELLO AL PROFUMO DI LIMONE

Questo per me non è solo un piatto di pasta, questo è una vera e propria vittoria!

Quando ho conosciuto mio marito, lui non mangiava praticamente verdura e guardava con diffidenza quasi tutti i tipi di pesce (fatta eccezione per i gamberetti). Con il tempo ho capito che quando Ale diceva “non mi piace” in realtà si trattava semplicemente di un pregiudizio, perchè il più delle volte si rifiutava persino di assaggiare! Diceva, per esempio, che le zucchine proprio non gli piacevano… Poi ho scoperto che lui aveva sì provato le zucchine anni addietro, ma in quell’occasione erano state bollite a tal punto da perdere consistenza e sapore! Fatte così non sarebbero piaciute neppure a me!
Così una sera ho preso le bellissime zucchine dell’orto di mio nonno, le ho tagliate a fettine sottili, le ho impanate per bene, e le ho fritte fino a farle diventare dorate e croccanti. Quando Alessio è arrivato a casa e mi ha chiesto di cosa fossero fatte quelle “chips”, io ho preteso che assaggiasse prima di saperlo… E in effetti lui non solo ha gradito, ma se le è mangiate quasi tutte! Da quel momento ho cominciato a inserire le zucchine nelle mie ricette, sempre senza esagerare, spesso cercando di “nasconderne” il sapore con altri ingredienti (le aggiungevo alle quiche,ai risotti mantecati al formaggio, alle frittate…). Ad oggi Ale le mangia davvero in tutti i modi, persino cotte al vapore con un filo d’olio a crudo e un pizzico di sale. Continua a leggere