CRESCENTE ALLA PANCETTA, OVVIAMENTE DELLE SIMILI!

Ebbene sì, ancora loro, le fantastiche sorelle bolognesi perennemente con le mani in pasta… Cosa posso farci? non riesco a resistere! Credo che dovrò provare tutte le ricette del libro ( e meno male che non è tanto grande), prima di prendermi una pausa… Una pausa dalla panificazione, non dalle Simili! Eh già, perchè a quel punto dovrò passare all’altro libro, “Sfida al mattarello”, già in pole-position tra i miei ricettari…
Tornando alla ricetta, nel libro ci sono ben tre versioni per le “crescenti”: rosmarino, gorgonzola, pancetta (o crudo).
Mio marito ed io, golosastri per vocazione, abbiamo scelto di cominciare dalla “crescente” alla pancetta…

INGREDIENTI
500 g di farina
250 g di acqua
25 g di ievito di birra
150 g di pancetta (o di prosciutto crudo) tritati
50 g di strutto
8 g di sale
mezzo cucchiaino di zucchero
un uovo

PROCEDIMENTO
Fare la fontana, amalgamare al centro tutti gli ingredienti e impastare velocemente senza battere. Fare una palla, coprire a cupola e lasciare lievitare per un’ora. Stendere la pasta con il mattarello senza lavorarla, formando un ovale alto circa 1,5 cm. Disporla sula teglia, pizzicarla tutt’intorno e tracciare delle losanghe sulla superficie con un coltello. Pennellare con l’uovo sbattuto e lasciare lievitare 50 min, fino al raddoppio. Cuocere in forno a 200-210° per 40-45 min.

E’ buona buona, croccante fuori e soffice dentro…. Ottima da sola, golosissima con salumi e formaggi.. Si presta per antipasti, aperitivi e buffet, e se accompagnata da un buon vino da il massimo! Noi abbiamo scelto per l’occasione il prosecco di valdobbiadene dry di Merotto….

Buon week-end!

UN CLASSICO: LA PIZZA DELLE SIMILI!!!

Premetto che il forno mi manca sempre di più.. e che riguardare questa foto non fa che accrescere la mia nostalgia! Ma che fare? Aspetterò!
Passando alla ricetta, devo dire che questa delle Simili è la pizza fatta in casa più buona che abbia mai mangiato, e che sarà probabilmente il primo sfizio che mi toglierò non appena avrò di nuovo il forno.
Nel libro “Pane e roba dolce”, le Simili propongono due varianti a partire dagli stessi ingredienti: la pizza bassa e la pizza alta. Quella che vedete in foto è la pizza alta, e per ottenerla dovete seguire tutti i passaggi della ricetta (che prevede 2 lievitazioni in più). Se invece volete provare la pizza bassa, o se andate di fretta, vi basterà saltare i passaggi tra parentesi.

INGREDIENTI
500 g di farina 00 forte
250 g di acqua
50 g di olio
25 g di lievito di birra
10 g di sale
1 barattolo di pomodori pelati da 800 g
4 mozzarelle fior di latte o di bufala (500 g)
olio, origano, sale pepe pr il pomodoro
Altri ingredienti a piacere devono essere cotti in precedenza, e vanno distribuiti sulla mozzarella prima dell’ultima infornata.

PROCEDIMENTO
Fare la fontana, mettere al centro il lievito sbriciolato e scioglierlo con l’acqua. Raccogliere un po’ di farina, unire il sale e l’olio, e impastare tutto.
Fare un filone, coprirlo a campana e lasciarlo riposare circa 90 min.
(Lavorare ancora la pasta qualche minuto, riformare il filone e lasciare lievitare ancora 90 min).
Nel frattempo mettere i pomodori pelati in uno scolapasta, tagliarli un po’ e farli sgocciolare. Tritare la mozzarella, metterla a scolare in un colabrodo e, se rimane bagnata, strizzarla con le mani prima di metterla sulla pizza.
Mettere un po’ d’olio nel centro di una teglia di circa 30X40 cm. Con l’olio fare una striscia solo al centro, o non si riuscirà più a fissare i bordi.
Quando la pasta è pronta non lavoratela più, o tornerà elastica. Semplicemente, senza toccarla, apppiattirla con il mattarello e trasferirla nella teglia.
Salare e pepare il pomodoro, e distribuirne uno strato sottile sulla pasta. Con la punta delle dita scoprire qui e là la pasta, formando dei buchi attraverso i quali potrà uscire il vapore che farà il pomodoro durante la cottura.
(Lasciare lievitare mezz’ora prima di infornare)
Infornare a forno già caldo a 240-250° e cuocere 7-8 min. Girare la teglia e cuocere altri 7-8 min. Quando la pasta sarà cotta e dorata, toglierla dal forno e distribuirvi la mozzarella, l’origano e l’olio. Infornare di nuovo per 6-7 min, quindi sfornare.
Fare riposare la pizza qualche minuto prima di tagliarla…

PANINI DI PAN BRIOCHE RIPIENI

Ovviamente il pan brioche è quello delle Simili… Ormai lo sapete: considero le loro ricette una garanzia di riuscita, e del resto.. a cosa serve comprare un libro di cucina, se poi non ci si mette all’opera?
Questo pan brioche è molto soffice e profumato… non dà senso di pesantezza, nè di untuosità.
Io ho preparato dei panini ripieni con speck, mele e brie (l’idea mi è venuta in Trentino, guardacaso), ma ognuno può scegliere il ripieno dolce o salato che preferisce: la ricetta base non cambia!

INGREDIENTI
per il lievitino
150 g di farina di forza
90 g di acqua
30 g di lievito di birra
per l’impasto
350 g di farina di forza
50 g di acqua
100 g di burro ammorbidito (non sciolto)
30 g di zucchero
10 g di sale
2 uova
per farcire
100 g di speck
100g di brie
100 g di mele
(1 tuorlo per spennellare)

PROCEDIMENTO
Impastare gli ingredienti del lievitino e lasciarlo lievitare 40 min (o fino a raddoppio).
Impastare il resto degli ingredienti, e lavorarlo bene.
Mettere il lievitino sul tavolo, tirarlo con le mani e mettere al centro il secondo impasto. Lavorare insieme i due impasti finchè non si saranno ben amalgamati ( non devono esserci striature bianche).
Mettere l’impasto ottenuto in una ciotola unta di burro e lasciare lievitare un’ora-un’ora e mezza.
Rovesciare sul tavolo, e senza lavorare la pasta, ricavatene delicatamente dei panetti del peso di 100 g ciascuno (dovrebbero venirne 9).
Tirare ognuno di questi panetti con le mani, senza impastare, e distribuirvi al centro i ripieno. Quindi richiudere bene.
Rivestire di carta forno una teglia, o la placca dl forno, adagiarvi i panini e lasciarli lievitare 40 min circa.
Quando saranno radoppiati, pennellateli delicatamente con l’uovo sbattuto.
Infornare a 200° per 20 min (fate la prova stecchino prima di estrarli dal forno).

UN APPUNTO: Noi non li abbiamo consumati tutti subito (sono molto sostanziosi), così li abbiamo congelati.. Per averli morbidi e fragranti come appena fatti è bastato toglierli dal freezer e infornarli a 100-150 gradi per 15 min…